MONTEDIDIO dal 16 al 18 febbraio

dal 16 febbraio 2018 al 18 febbraio 2018
orari: 21,00
prenotazioni: 081 5422088 | info@ilpozzoeilpendolo.it

MONTEDIDIO dal 16 al 18 febbraio

 MONTEDIDIO

di Erri de Luca

con  Nico Ciliberti e Zack Alderman

regia : Annamaria Russo

“Ci sto io: tutt’insieme divento importante. Finora la mia presenza, c’era o non c’era, non spostava niente. Maria dice che io ci sto e così ecco qua me n’accorgo pur’io che ci sto. Mi chiedo da solo: non me ne potevo accorgere per conto mio di esserci? Pare di no. Pare che ci vuole un’altra persona che avvisa…”

C’è un’età in bilico tra l’infanzia e la giovinezza. Un tempo incantato e difficile in cui si diventa, ma non si è. E’ lo spazio breve e convulso del possibile, in cui ieri, oggi e domani si accavallano e si confondono. Montedidio è un testo che racconta quell’età, che racconta la magia del divenire. Il divenire della vita di un ragazzo che a tredici anni comincia a lavorare e si fa uomo. Il divenire di una città, che sulle macerie di una guerra finita da poco, ricostruisce un futuro di mille prospettive e poche speranze. Il divenire di un uomo che ha perso la sua terra, ne ha trovato una che le somiglia, ma vuole quella promessa da un Dio che si nasconde tra le pagine di libri antichi. Il divenire di una ragazzina che conosce già tutto il male e tutto il bene dell’amore e prova a farsi donna per sopravvivere all’infanzia.  Montedidio è la storia di una, cento, mille storie che provando a divenire diventano vita e seminano vita in chi le ascolta.

Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast’Errico, il falegname. E’ l’inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l’assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un “bùmeran”, un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast’Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast’Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose, Maria sul terrazzo più alto di Montedidio gli insegna l’amore…